top of page

La diagnosi di ADHD nelle Regione Veneto

A volte i genitori notano delle difficoltà di attenzione o iperattività nel figlio ma quando ne parlano con le maestre o con il pediatra si sentono rispondere con frasi del tipo “speriamo che maturi con il tempo” o “è normale per i bambini essere vivaci, al giorno d’oggi si esagera con le attenzioni che gli si dà!”.

Nulla di più sbagliato! Se i genitori o le insegnanti notano una difficoltà che sembra persistere nel tempo e non essere legata a qualche momento di passaggio può essere molto utile fare un approfondimento da uno specialista psicologo che sia esperto nell’ambito del comportamento. 

Il motivo è semplice, se ci sono una difficoltà o un disturbo, prima si interviene e meglio è per il futuro del bambino e per la serenità della quotidianità familiare. 

Ci si potrebbe infatti trovare di fronte a difficoltà superabili in breve tempo adottando delle semplici strategie comportamentali o intervenendo sullo stile educativo oppure ci si potrebbe trovare di fronte a difficoltà più importanti o a un vero e proprio disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività (ADHD).


In cosa consiste la valutazione neuropsicologica? Chi esegue i test? Chi è lo specialista esperto nel settore del comportamento?


La valutazione neuropsicologica è la valutazione delle abilità cognitive. In caso di un sospetto disturbo dell’attenzione o del comportamento (iperattività, impulsività, oppositività, tic, ecc…) la valutazione consiste in un colloquio con i genitori per comprendere la natura e la durata dei comportamenti che destano delle preoccupazioni, una serie di test neuropsicologici da sottoporre al bambino e un consulto con le insegnanti per capire quali comportamenti si presentano durante la quotidianità scolastica. 

I test che si eseguono sono delle prove che indagano le prestazioni in particolari abilità quali ad esempio le abilità attentive, di memoria, di ragionamento, di inibizione, di autocontrollo motorio, ecc… MA ATTENZIONE! Una cosa è somministrare le prove e un’altra cosa è saperne interpretare i risultati.  

Troppo spesso infatti i genitori si rivolgono a noi in quanto esperti del settore perché vi sono dei problemi nella quotidianità ma può capitare che degli approfondimenti svolti in passato presso altri Centri non abbiano dato un esito chiaro o, peggio ancora, che a fronte di difficoltà nella vita quotidiana, i risultati negativi in uno o più test abbiano portato ad affermare in modo generalizzato che “non ci sono problemi”. La valutazione neuropsicologica prevede una solida conoscenza dei test e delle teorie cognitive sottostanti e i risultati vanno sempre interpretati con molta attenzione altrimenti si rischia, non solo di perdere tempo e denaro, ma anche di avere risposte contraddittorie che non aiutano il bambino, i genitori e gli insegnanti. 


Se si notano difficoltà di attenzione o di comportamento è necessario rivolgersi a un neuropsichiatra presso le ULSS o a Centri accreditati alla diagnosi di disturbo specifico di apprendimento (DSA)? 


NO, nel caso si sospetti una difficoltà di tipo attentivo o comportamentale NON è necessario rivolgersi in maniera esclusiva alle ULSS o ai Centri accreditati. 

Secondo le linee guida della Società Italiana di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza (SINPIA), la diagnosi di ADHD può essere svolta dal neuropsichiatra e dagli psicologi con specifiche competenze nel settore. La valutazione e la diagnosi circa le difficoltà attentive o di autoregolazione possono essere eseguite dagli specialisti che lavorano sia in ambito pubblico che in ambito privato. La validità e l’idoneità ai fini scolastici di tale diagnosi è garantita dalle normative.


I vantaggi di una buona diagnosi, d’altra parte, possono essere diversi. E’ possibile comprendere i punti di forza e di debolezza del bambino e condividerli con la scuola che può adottare delle strategie tarate in modo più preciso, con l’aiuto del clinico. E’ inoltre possibile avere delle indicazioni su come potenziare le fragilità o accedere a dei veri e propri percorsi di “allenamento” delle abilità più carenti.

Noi di Centro Insieme siamo degli esperti nella valutazione dei disturbi o delle difficoltà di comportamento e apprendimento e nel potenziamento delle abilità carenti.

La nostra formazione è specifica del settore, supportata dai nostri numerosi studi e percorsi di aggiornamento e da oltre un decennio di esperienza sul campo: tutto ciò ci ha consentito di affinare metodi e strategie e di ottenere risultati soddisfacenti e duraturi.

Se avete dei dubbi sul comportamento o sulle abilità attentive di vostro figlio contattateci per avere risposta in tempi brevi.


Ti potrebbe interessare anche:



Comments


bottom of page